Salta al contenuto

Amministrazione Trasparente

Questa sezione del sito, denominata “Amministrazione trasparente”, contiene tutte le informazioni previste dal d.lgs 33/2013 sull’organizzazione interna e l’attività dell’Ente.

Con il termine Trasparenza si intende l’accessibilità totale di tutte le informazioni concernenti l’organizzazione, gli andamenti gestionali, l’utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali e dei risultati, l’attività di misurazione e valutazione, per consentire forme diffuse di controllo interno ed esterno sul modo di gestione della “cosa pubblica”.

In attuazione della legge 190/2012 (c.d. legge Severino) è stato emanato e successivamente pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2013, il decreto legislativo 33/2013 sulla trasparenza. Il provvedimento è in vigore dal 20/04/2013.

Qui sono pubblicati, raggruppati secondo le indicazioni di legge, documenti, informazioni e dati concernenti l’organizzazione dell’amministrazione, le sue attività e le relative modalità di realizzazione.

I dati personali pubblicati in questa sezione sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici ( D.lgs. 18 maggio 2015, n.102, pubblicato in G. U. – Serie Generale – n. 158 del 10 luglio 2015, recante attuazione della direttiva 2013/37/UE che modifica la direttiva 2003/98/CE),in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati raccolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.

Riferimenti normativi citati:

Disposizioni generali

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Programma per la Trasparenza e l’Integrità

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza”.
Riferimenti normativi:
Art. 10, c. 8, lett. a – D.Lgs. 33/2013 modificato dall’ Art. 10 – D. Lgs. 97/2016

PTPCT 2022-2024 OPI Chieti
PTPCT 2021-2023 OPI Chieti

PTPCT 2020-2022 OPI Chieti

PTPCT 2020-2022 Allegato 1. Catalogo rischi corruzione OPI Chieti
PTPCT 2020-2022 Allegato 2. Misure OPI Chieti

SOTTOSEZIONE ALTRI CONTENUTI / ANTICORRUZIONE


Atti generali

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Atti generali”.

Riferimenti normativi:

Normativa di riferimento

Regolamenti
  • Regolamento di amministrazione, contabilità e attività contrattuale dell’OPI Chieti
  • Regolamento per la concessione dei patrocini
  • Regolamento sul procedimento elettorale dell’OPI Chieti
  • Regolamento disciplinante l’attività degli organi dell’OPI Chieti
  • Nuovo Regolamento procedimenti disciplinari 2020
  • Regolamento sull’accesso agli atti
  • Regolamento Commissioni/Gruppi di lavoro
  • Regolamento per i rimborsi spese sostenute dai componenti del Consiglio Direttivo OPI Chieti
  • Regolamento iscrizione all’Albo delle STP – Società Tra Professionisti
  • Manuale qualità
  • Manuale qualità Formazione
Circolari
Codice di comportamento e codice di condotta

Articolazione degli uffici

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Articolazione degli uffici”.

Riferimenti normativi:
Art. 13, c. 1 lett. b, c. – D. Lgs. n. 33/2013 modificato dall’Art. 12 – D. Lgs. 97/2016

  • Programmazione dei fabbisogni di personale OPI Chieti triennio 2021/2023
  • Organigramma 2021
  • Programmazione dei fabbisogni di personale OPI Chieti triennio 2020/2022
  • Organigramma 2019
  • Organigramma 2018

Telefono e posta elettronica

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Telefono e posta elettronica”.

Riferimenti normativi:
Art. 13, c. 1, lett. D – D. Lgs. n. 33/2013

ORDINE DELLE PROFESSIONI
INFERMIERISTICHE DI CHIETI
Via D.Spezioli, 16 – 66100 Chieti (CH)
Telefono: +39 0871 401206 | Fax: +39 0871 404070
E-mail: info@opichieti.it | PEC: chieti@cert.ordine-opi.it

Apertura Uffici
LUNEDÌ 15:30 – 18:30
MARTEDÌ 8:30 – 12:30
MERCOLEDÌ 15:30 – 18:30
GIOVEDÌ 8:30 – 12:30
VENERDÌ 15:30 – 18:30


 

Organi di indirizzo politico-amministrativo

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Organi di indirizzo politico-amministrativo“.
 
SCHEMA ORGANI POLITICI 2021-2024
Componenti Consiglio Direttivo
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
dichiarazione insussistenza cause incomp. e inconf.
Componenti Commissione Albo Infermieri
Componenti Commissione Albo Infermieri Pediatrici
Collegio Revisori dei Conti
———————

Sanzioni per mancata comunicazione dei dati

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Sanzioni per mancata comunicazione dei dati”.

Il comma 1 dell’art. 47 del D.lgs. 33/2013 ha disciplinato, in particolare, la pubblicazione dei provvedimenti sanzionatori a carico del responsabile della mancata o incompleta comunicazione delle informazioni e dei dati di cui all’articolo 14 D.lgs. 33/2013 come novellato dal D.lgs. 97/2016 e concernenti: la situazione patrimoniale complessiva del titolare dell’incarico al momento dell’assunzione della carica, la titolarità di imprese, le partecipazioni azionarie proprie nonché tutti i compensi cui dà diritto l’assunzione della carica.

Riferimenti normativi:
Non sono state adottate sanzioni amministrative pecuniarie.

Rendiconti gruppi consiliari regionali/provinciali

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Rendiconti gruppi consiliari regionali/provinciali“.
 
Riferimenti normativi:
La norma non è ascrivibile agli ordini professionali.

Articolazione degli uffici

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Articolazione degli uffici”.
 
Riferimenti normativi:
  • Programmazione dei fabbisogni di personale OPI Chieti triennio 2021/2023
  • Organigramma 2021
  • Programmazione dei fabbisogni di personale OPI Chieti triennio 2020/2022
  • Organigramma 2019
  • Organigramma 2018

Telefono e posta elettronica

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Telefono e posta elettronica”.
 
Riferimenti normativi:
ORDINE DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE DI CHIETI
Via D.Spezioli, 16 – 66100 Chieti (CH)
Telefono: +39 0871 401206 | Fax: +39 0871 404070
E-mail: info@opichieti.it | PEC: chieti@cert.ordine-opi.it
Apertura Uffici
LUNEDÌ
15:30 – 18:30
MARTEDÌ
8:30 – 12:30
MERCOLEDÌ
15:30 – 18:30
GIOVEDÌ
8:30 – 12:30
VENERDÌ
15:30 – 18:30

 

Consulenti e collaboratori

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Consulenti e Collaboratori “.
 
Riferimenti normativi:

Titolari di incarichi di collaborazione o consulenza

Anno 2021
Anno 2020
Anno 2019
Anni 2017-2018

Convenzioni

Anno 2021
Anno 2020
Anno 2019
Anni 2017-2018

Personale

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:
  • Incarichi amministrativi di vertice

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Incarichi amministrativi di vertice”.
    Riferimenti normativi:
    Non assegnati incarichi di Dirigente amministrativo di vertici
  • Dirigenti

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Dirigenti“.
     
    Riferimenti normativi:
    Non assegnati incarichi di Dirigente.
  • Sanzioni per mancata comunicazione dei dati

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Sanzioni per mancata comunicazione dei dati”.
    Il comma 1 dell’art. 47 del D.lgs. 33/2013 ha disciplinato, in particolare, la pubblicazione dei provvedimenti sanzionatori a carico del responsabile della mancata o incompleta comunicazione delle informazioni e dei dati di cui all’articolo 14 D.lgs. 33/2013 come novellato dal D.lgs. 97/2016 e concernenti: la situazione patrimoniale complessiva del titolare dell’incarico al momento dell’assunzione della carica, la titolarità di imprese, le partecipazioni azionarie proprie nonché tutti i compensi cui dà diritto l’assunzione della carica.

    Riferimenti normativi:
    Non sono state adottate sanzioni amministrative pecuniarie.
  • Posizioni organizzative

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Posizioni organizzative”.
    Riferimenti normativi:
    Non presenti nell’Ente.
  • Dotazione organica

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Dotazione organica”.
    Riferimenti normativi:
  • Personale non a tempo indeterminato

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Personale non a tempo indeterminato”.
    Riferimenti normativi:
    Personale non a tempo indeterminato anno 2021

    Personale non a tempo indeterminato anno 2019
    Personale non a tempo indeterminato anno 2020
    Proroga contratto lavoro somministrato al ______
    Proroga contratto lavoro somministrato al ______
  • Tassi di assenza

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Tassi di assenza”.
    Riferimenti normativi:
    Anno 2021
    I trimestre
    II trimestre

    Anni passati
    I trimestre 2020
    II trimestre 2020
    III trimestre 2020
    IV trimestre 2020

    I trimestre 2019
    II trimestre 2019
    III trimestre 2019
    IV trimestre 2019

    I trimestre 2018
    II trimestre 2018
    III trimestre 2018
    IV trimestre 2018
  • Incarichi conferiti e autorizzati ai dipendenti

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Incarichi conferiti e autorizzati ai dipendenti”.
    Riferimenti normativi:
  • Contrattazione collettiva

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Contrattazione collettiva”.
    Riferimenti normativi:
    CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE TRIENNIO 2016-2018

    CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO DEGLI ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI BIENNIO ECONOMICO 2008 – 2009
  • Contrattazione integrativa

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Contrattazione integrativa”.
    Riferimenti normativi:
  • OIV

    Data ultima modifica: 02.07.2021
    Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “OIV”.
    Riferimenti normativi:
    La nomina e le attestazioni dell’OIV, previste dall’art. 14 del D.Lgs n. 150/2009 non si applicano all’Ente, così come disposto dall’art. 2, comma 2-bis, del D.L n. 101/2013, inserito dalla legge di conversione 30 ottobre 2013, n. 125.

 

 

Bandi di concorso

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Bandi di concorso”.
Riferimenti normativi:
Non sono stati indetti bandi di concorso.

Performance

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:
  • Sistema di misurazione e valutazione della Performance
  • Piano della Performance
  • Relazione sulla Performance
  • Ammontare complessivo dei premi
  • Dati relativi ai premi
  • Benessere organizzativo
Secondo quanto previsto dall’art. 2, comma 2 bis, del decreto legge 31.08.2013, n. 101 conv. in Legge 30 ottobre 2013, n. 125 – Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni, gli Ordini professionali non sono tenuti a mappare il ciclo della gestione delle performance, né a dotarsi dell’Organismo Indipendente di Valutazione (OIV).
 
La norma dispone che:
“Gli ordini, i collegi professionali, i relativi organismi nazionali e gli enti aventi natura associativa, con propri regolamenti, si adeguano, tenendo conto delle relative peculiarità, ai principi del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ad eccezione dell’articolo 4, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, ad eccezione dell’articolo 14 nonché delle disposizioni di cui al titolo III, e ai principi generali di razionalizzazione e contenimento della spesa, in quanto non gravanti sulla finanza pubblica.”

Piano della performance

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Piano della Performance”.
Riferimenti normativi:

Relazione sulla performance

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Relazione sulla Performance“.
Riferimenti normativi:

Ammontare complessivo dei premi

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Ammontare complessivo dei premi”.
Riferimenti normativi:

Dati relativi ai premi

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Dati relativi ai premi”.
Riferimenti normativi:

Benessere organizzativo

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Benessere organizzativo”.
Riferimenti normativi:

Enti controllati

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Enti pubblici vigilati

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Enti pubblici vigilati“.
L’Ordine non svolge attività di vigilanza su Enti Pubblici.

Società partecipate

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Società partecipate”.
Riferimenti normativi:
L’Ordine non partecipa a Società.

Enti di diritto privato controllati

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Enti di diritto privato controllati”.
L’Ordine non controlla Enti di diritto privato.

Rappresentazione grafica

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Rappresentazione grafica”.
Riferimenti normativi:
Non sono stati inseriti contenuti personalizzati.

Attività e procedimenti

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Tipologie di procedimento

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Tipologie di procedimento”.
Riferimenti normativi:

Monitoraggio tempi procedimentali

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Monitoraggio tempi procedimentali”.
Riferimenti normativi:
Dati non più soggetti a pubblicazione obbligatoria ai sensi del D. Lgs 97/2016.

Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d’ufficio dei dati

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d’ufficio dei dati”.
Riferimenti normativi:

Controlli sulle imprese

ome da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Controlli sulle imprese”.
Riferimenti normativi:
Dati non più soggetti a pubblicazione obbligatoria ai sensi del D. Lgs 97/2016.

Bandi di gara e contratti

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Informazioni sulle singole procedure in formato tabellare

Data ultima modifica: 02.07.2021
Adempimenti Art. 1 Comma 32 della legge 190/2012
In base alle disposizioni della Legge Anticorruzione n. 190/2012 e al D.lgs. 33/2013, le PA sono tenute ad assicurare livelli essenziali di trasparenza per i procedimenti di scelta del contraente per l’affidamento di lavori, forniture e servizi.
In attuazione all’art. 1, comma 32, della legge 190/2012, la Deliberazione n. 26 del 22/05/2013 dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) fornisce indicazioni specifiche alle Pubbliche Amministrazioni sull’assolvimento degli obblighi di trasmissione delle informazioni sui bandi in materia di trasparenza amministrativa.

Atti delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori distintamente per ogni procedura

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Atti delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori distintamente per ogni procedura”.
Riferimenti normativi:

Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Criteri e Modalità

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Criteri e modalità”.
Riferimenti normativi:

Atti di concessione

Data ultima modifica: 02.07.2021
Elenco atti di concessione ai sensi dell’articolo 12 della L. n. 241/1990 (articoli 26 e 27 del D. Lgs n. 33 14.03.2013).

Bilanci

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Bilancio preventivo e consuntivo

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Bilancio preventivo e consuntivo”.
Anno 2023
Rendiconto generale 2023 e relativi allegati
Relazione del Tesoriere sul Rendiconto generale 2023
Relazione dei Revisori dei Conti Rendiconto 2023
Anno 2022
Relazione dei Revisori dei Conti Rendiconto 2022
Anno 2021
Anno 2020
Anno 2019
Anno 2018
Bilancio di previsione 2018 e relativi allegati

Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio”.
Riferimenti normativi:

Beni immobili e gestione patrimoni

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Patrimonio immobiliare

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Patrimonio immobiliare”.
 
Riferimenti normativi:
L’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Chieti non detiene immobili di proprietà.

Canoni di locazione o affitto

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Canoni di locazione o affitto”.
Riferimenti normativi:

Controlli e rilievi sull’amministrazione

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Organismi Indipendenti di Valutazione

Data ultima modifica: 02.07.2021

Sezione relativa all’Organismo Indipendente di Valutazione, come indicato all’art. 10, c. 8, lett. c) del d.lgs. 33/2013.

L’ente non è tenuto alla costituzione di un OIV (Organismo Indipendente di Valutazione) ai sensi dell’art. 2 comma 2 bis  D.L. 101/2013 conv. L. 125/2013 che prevede espressamente: “Gli ordini, i collegi professionali,  i  relativi organismi nazionali e gli enti aventi natura  associativa,  con  propri regolamenti, si adeguano, tenendo conto delle relative  peculiarità, ai principi del  decreto  legislativo  30  marzo  2001,  n.  165,  ad eccezione dell’articolo 4, del decreto legislativo 27  ottobre  2009, n. 150, ad eccezione dell’articolo 14, nonché delle disposizioni  di cui al titolo III e  ai  principi  generali  di  razionalizzazione  e contenimento della  spesa,  in  quanto  non  gravanti  sulla  finanza pubblica

Attestazioni dell’OIV o di altra struttura analoga nell’assolvimento degli obblighi di pubblicazione

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Organismi indipendenti di valutazione, nuclei di valutazione o altri organismi con funzioni analoghe”.
 
Riferimenti normativi:
2022
2021

Servizi erogati

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Carta dei servizi e standard di qualità

Data ultima modifica: 18.05.2022
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Carta dei servizi e standard di qualità”.
 
Riferimenti normativi:

Ordine delle   Professioni Infermieristiche
CARTA DEI   SERVIZI
Ed. 10 del 18/05/2022
OPI CHIETI
Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Chieti
Via Papa
Via D. Spezioli, N.16
66100 CHIETI
Telefono: +39 0871 401206
Fax: +39 0871 404070
Sito web: www.opichieti.it
Contatti: presidenza@opichieti.it – consiglio@opichieti.it
CARTA DEI SERVIZI
Edizione 10
Sistema di Gestione per la Qualità conforme alla Norma
Uni En Iso 9001: 2015 Sistemi di Gestione per la Qualità: Requisiti
Ed. e  data
Natura della modifica
Riesame
Approvazione
Ed. 10 del
18 maggio 2022
Revisione documento
(Responsabile Qualità)
Dott.ssa Angela Boreale
(Presidente)
Dott. Giancarlo Cicolini
SOMMARIO
1.         Premessa.
2.         L’Ordine e il suo funzionamento.
3.         Politica per la qualità dell’Ordine.
4.         La struttura dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche.
5.         Orario di apertura al pubblico.
6.         La gestione dell’albo.
6.1.     La domanda di iscrizione all’albo.
6.2.     Infermieri e titoli stranieri.
6.3.     L’iscrizione all’albo.
6.4.     Il trasferimento dell’iscrizione.
6.5.     La cancellazione dall’albo.
7.         Lo sportello.
7.1.     Per il cittadino.
7.2.     Per gli iscritti.
8.         La biblioteca.
9.         La formazione.
10.      Gestione reclami.
11.      Fattori di qualità.
12.      Prevenzione della corruzione e tutela della trasparenza.
13.      La politica per la privacy.
1.    Premessa
La Carta dei servizi dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Chieti ha due principali destinatari: il cittadino/utente e l’infermiere/iscritto.
La legge, infatti, affida agli Ordini una duplice finalità: la prima è la tutela del cittadino che ha il diritto, sancito dalla Costituzione, di ricevere prestazioni sanitarie da personale qualificato, in possesso di uno specifico titolo abilitante ed iscritto all’albo professionale.
La seconda finalità è rivolta agli infermieri iscritti all’Albo, che l’Ordine è tenuto a tutelare nella loro professionalità, esercitando il potere di disciplina, contrastando l’abusivismo, vigilando sul rispetto del codice deontologico, favorendo la crescita culturale degli iscritti, garantendo l’informazione e offrendo servizi di supporto per un corretto esercizio professionale.
Per tutti i riferimenti relativi all’Ordine, presso la sede dello stesso, è disponibile il Manuale della Qualità e il documento di obiettivi/ indicatori e fattori di qualità misurabili che il Consiglio Direttivo ha definito.
2.    L’Ordine e il suo funzionamento
L’ordinamento italiano affida il compito di garantire il corretto esercizio delle professioni intellettuali agli Ordini ed ai Collegi professionali. Essi sono in primo luogo organismi a carattere associativo, istituiti per legge e dotati di personalità giuridica pubblica, costituiti da coloro che, in possesso dei titoli di abilitazione richiesti, svolgono una stessa attività lavorativa di natura intellettuale. In seconda istanza rappresentano l’ente/istituzione di diritto pubblico, dotato di ampia autonomia, al quale lo Stato demanda il perseguimento di finalità di pubblico interesse.
L’ambito territoriale di competenza dell’Ordine è di norma la provincia; la Federazione Nazionale degli Ordini (FNOPI) coordina quindi i Collegi provinciali ed è l’organismo che ha la rappresentanza nazionale degli infermieri italiani.
L’ordinamento delle professioni sanitarie individua quali organi dell’Ordine provinciale:
      l’assemblea degli iscritti all’Ordine;
      il Consiglio direttivo;
      gli organi individuali (presidente, vice presidente, segretario, tesoriere);
      il collegio dei revisori dei conti.
L’assemblea è costituita da tutti gli iscritti agli Albi tenuti dall’Ordine ed ha la funzione di eleggere ogni tre anni i componenti del consiglio direttivo e del collegio dei revisori. Si riunisce una volta l’anno per l’approvazione del bilancio preventivo e del conto consuntivo.
Il Consiglio direttivo è eletto ogni tre anni ed è composto da un numero di membri che varia in rapporto al numero degli iscritti all’Ordine. Ha il compito di rappresentare e guidare il gruppo professionale. Il Consiglio è investito di tutti i poteri attribuiti all’Ordine per il governo della professione. Può essere sciolto quando non risulti in grado di funzionare regolarmente; lo scioglimento è disposto con decreto del ministero della Salute, sentito il parere della Federazione Nazionale. Le attribuzioni del Consiglio direttivo di ciascun Ordine sono:
      compilare e tenere l’albo dell’Ordine e pubblicarlo all’inizio di ogni anno;
      vigilare sulla conservazione del decoro e dell’indipendenza dell’Ordine;
      designare i rappresentanti dell’Ordine presso commissioni, enti ed organizzazioni di carattere provinciale o comunale;
      promuovere e favorire tutte le iniziative intese a facilitare il progresso culturale degli iscritti;
      dare il proprio concorso alle autorità locali nello studio e nell’attuazione dei provvedimenti che possono interessare l’Ordine;
      esercitare il potere disciplinare nei confronti dei sanitari iscritti all’albo;
      interporsi nelle controversie tra sanitario e sanitario, o tra sanitario e persona o Ente a favore dei quali il sanitario abbia prestato la propria opera professionale, procurando la conciliazione delle vertenze o dando il suo parere.
Gli organi individuali sono quattro, vengono eletti dal Consiglio direttivo e rivestono particolare importanza perché ad essi è affidata la conduzione dell’attività quotidiana dell’Ordine e la proposizione al Consiglio direttivo delle linee d’azione e di ogni altra iniziativa.
Il presidente convoca e presiede il Consiglio direttivo e le assemblee degli iscritti e svolge tutte le altre attribuzioni previste dalla legge e dal regolamento o dal Consiglio e delle quali è tenuto a curare l’esecuzione. Il presidente ha la rappresentanza dell’Ordine provinciale ed è membro del Consiglio Nazionale.
Il vicepresidente sostituisce il presidente in caso di assenza o di impedimento e disimpegna le funzioni a lui eventualmente delegate dal presidente.
Il segretario è responsabile del regolare andamento dell’ufficio, che è diretto dal presidente. Cura l’archivio, i verbali delle adunanze dell’assemblea e del Consiglio, i registri delle relative deliberazioni, il registro degli atti compiuti in sede conciliativa, il registro dei pareri e gli altri registri istituiti per legge o per deliberazione del Consiglio. È il responsabile del trattamento dei dati personali relativi agli iscritti all’albo.
Il tesoriere ha la custodia e la responsabilità della cassa e degli altri valori di proprietà dell’Ordine. Provvede alla riscossione delle entrate e del pagamento dei mandati di spesa nei limiti degli stanziamenti del bilancio approvato dall’assemblea. È pertanto responsabile del pagamento dei mandati irregolari o eccedenti. Deve tenere i registri per le somme riscosse contro quietanza, di entrata e uscita, dei mandati di pagamento e l’inventario dei beni mobili e immobili costituenti il patrimonio dell’Ordine.
Il Collegio dei revisori dei conti è l’organo preposto alla vigilanza sulla gestione contabile dell’Ordine. È composto di tre membri effettivi e di un supplente, eletti dall’assemblea tra gli iscritti nell’Albo non facenti parte del Consiglio direttivo. Dura in carica tre anni e al suo interno anch’esso elegge un presidente con il compito di coordinarne l’attività.
3.    Politica per la qualità dell’Ordine
L’OPI Chieti ha certificato il proprio sistema di gestione per la qualità ai sensi della ISO 9001: 2015.
A tal proposito ha definito una politica per la qualità tesa a garantire la soddisfazione dei propri iscritti e di tuti gli altri stakeholder. La politica è di seguito riportata.
L’OPI Chieti ha l’obiettivo primario di soddisfare i propri stakeholder, nel rispetto del quadro normativo e legislativo di pertinenza e nello spirito di collaborazione continuativa che lo contraddistingue da sempre con gli altri collegi provinciali e con la Federazione Nazionale.
L’OPI Chieti si deve impegnare fortemente nell’eccellere in fase di progettazione ed erogazione dei propri servizi, in particolare per rispondere alle esigenze:
       dei propri iscritti, che contano sul collegio per la gestione di tutti gli aspetti istituzionali legati all’albo professionisti, per il sostegno fornito nell’ambito della formazione ECM, per l’azione continua di vigilanza oggettiva e imparziale per assicurare la professionalità infermieristica e certificarla all’esterno
       delle strutture sanitarie pubbliche e private che accolgono i nostri iscritti, perché si sentano garantiti da una professionalità coerente ed evolutiva, sempre adeguata alle loro richieste, e anche da una deontologia impeccabile da manifestare in ogni occasione
       delle istituzioni pubbliche addette al controllo ufficiale, allo sviluppo del territorio, alla gestione della politica locale, alla ricerca universitaria, perché si possa collaborare in trasparenza e in professionalità
       della collettività, per garantire la qualificazione del servizio e l’adozione di tecniche e metodologie sempre all’avanguardia e votate a un sostegno continuativo dei cittadini
L’OPI Chieti si impegna nel cercare di raggiungere livelli di miglioramento continuo della qualità dei propri processi e dei propri servizi, attraverso:
1.    Il perseguimento della soddisfazione degli iscritti e degli altri stakeholder in merito alla qualità dei servizi offerti
2.    L’efficacia del sistema e dei processi, mediante il soddisfacimento dei requisiti normativi e “contrattuali” applicabili e il controllo accurato delle fasi di progettazione e realizzazione dei servizi offerti nonché di erogazione degli stessi
3.    L’adeguata gestione di rischi e opportunità per i processi e i servizi erogati
4.    Il miglioramento continuo dei servizi e del sistema, passando attraverso la ricerca dell’ottimizzazione dei processi e la crescita professionale per tutto il personale
OPI Chieti ritiene sia necessario conoscere approfonditamente i propri iscritti e tutti gli altri stakeholder, non soltanto a livello di bisogni, attese e comportamenti, ma anche come valore potenziale, in termini di sviluppo, di know-how, d’immagine.
L’Ordine è consapevole che l’obiettivo della garanzia della qualità richiede un impegno costante da parte di tutto il personale operativo e che esso può essere raggiunto con successo solo attraverso un approccio sistematico alle tematiche della qualità.
La Direzione crede profondamente in questo e si impegna a diffondere e promuovere la qualità nell’organizzazione.
4.    La struttura dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche
L’organigramma dell’Ordine è il seguente.
La struttura organizzativa è coordinata, nella sua pianificazione strategica, dal Consiglio Direttivo. Il Presidente ha il compito primario di sovrintendere all’operatività dell’ente, assistito dalle funzioni operative e di staff preposte.
Quando non diversamente specificato, per Direzione (o alta Direzione) in questo documento si intende il Consiglio Direttivo.
Nell’organizzazione dell’Ordine è stata introdotta la figura del RUP (Responsabile Unico del Procedimento) sulla base dei dettami del nuovo regolamento di amministrazione, per la gestione di acquisiti di beni e servizi di importo superiore a € 500 e fino a € 40.000.
Il RUP è incaricato di gestire il bando di gara e verificare la regolarità dell’acquisto secondo uno spirito di correttezza e trasparenza assoluti.
5.    Orario di apertura al pubblico
Mattina Martedì e Giovedì ………………………….ore 08.30 – 12.30
Pomeriggio Lunedì, Mercoledì e Venerdì ………ore 15.30 – 18.30
L’OPI, stante l’attuale emergenza sanitaria Covid 19, ha previsto che l’Ufficio di Segreteria, al fine di razionalizzare gli accessi, riceverà gli iscritti nei consueti orari di apertura, previo appuntamento concordato telefonicamente.
6.    La gestione dell’albo
La tenuta dell’albo degli iscritti, come è noto, rappresenta la funzione fondamentale del Consiglio Direttivo. Nel caso degli OPI, gli albi, ovvero gli elenchi degli iscritti, dopo il passaggio normativo che ha sancito la trasformazione degli ex Collegi IPASVI in Ordini sono passati da tre a due: l’Albo degli Infermieri e l’Albo degli Infermieri Pediatrici, che ricomprende l’Albo delle Vigilatrici d’Infanzia. A seguito di quanto disposto dal Decreto 13 marzo 2018 gli iscritti all’Albo degli Assistenti Sanitari sono confluiti nell’Ordine delle Professioni Tecniche; a tal fine il nostro Ordine ha già avviato, nel mese di luglio 2018, l’iter procedurale per gli adempimenti di conseguenza. Ogni anno un esemplare dell’Albo viene inviato al Prefetto, ai ministeri della Salute, della Giustizia, dell’Istruzione Università e Ricerca, del Lavoro e delle Politiche Sociali, agli uffici giudiziari della provincia, alla Federazione Nazionale degli Ordini Provinciali (FNOPI) e all’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza delle Professioni Infermieristiche (ENPAPI).
L’Albo è redatto secondo l’ordine alfabetico. Per ogni iscritto sono indicati: il cognome e il nome, il luogo e la data di nascita, la cittadinanza (ove si tratti di infermiere straniero), il domicilio, la data di iscrizione all’albo e il numero di posizione.
6.1. La domanda di iscrizione all’albo
L’istanza di iscrizione viene presentata all’Ordine della provincia nel cui territorio l’infermiere ha la sua residenza, o il suo domicilio professionale, in carta bollata o su un foglio uso bollo con marca da € 16 utilizzando il fac-simile disponibile allo sportello dell’Ordine, negli orari di apertura al pubblico. Il modello di domanda può anche essere scaricato dal sito web dell’OPI. La documentazione da allegare alla domanda è molto esile, giacché la maggior parte dei requisiti richiesti (dati anagrafici, diritti civili, titolo di studio, eventuali condanne penali, eventuale possesso di partita Iva, eventuali precedenti iscrizioni all’Albo) sono autocertificabili ai sensi dell’art. 46 del Dpr 28 dicembre 2000 n. 445, con la consapevolezza delle responsabilità e delle sanzioni penali stabilite dalla legge per le false attestazioni e le mendaci dichiarazioni. Pertanto occorre allegare soltanto:
• due foto formato tessera uguali e recenti, di cui una autenticata in carta semplice. L’autentica della fotografia può essere effettuata direttamente allo sportello esibendo un documento d’identità;
• l’evidenza del pagamento effettuato per l’iscrizione;
• la ricevuta di versamento intestato all’Agenzia delle Entrate – Centro operativo di Pescara – Tasse Concessioni Governative (sono tasse dello Stato che devono pagare tutti i professionisti che si iscrivono all’albo).
Nel caso in cui l’Infermiere intenda iscriversi all’albo dell’OPI di Chieti sulla base del domicilio professionale nella provincia di Chieti, alla domanda di iscrizione deve essere allegata anche una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (ai sensi dell’art. 47 del Dpr 28 dicembre 2000, n. 445).
6.2. Infermieri e titoli stranieri
Gli infermieri che hanno conseguito il titolo abilitante all’estero, indipendentemente dalla cittadinanza, devono inoltre allegare alla domanda:
• la copia autenticata del diploma professionale con traduzione. L’autentica delle copie può essere effettuata direttamente allo sportello esibendo l’originale;
• la fotocopia del decreto di riconoscimento del titolo di studio abilitante emanato dal ministero della Salute
Gli infermieri stranieri non comunitari devono allegare alla domanda la copia autenticata del permesso di soggiorno in corso di validità, oppure la copia autenticata del visto d’ingresso per motivi di lavoro, o del permesso di soggiorno scaduto, e la copia della ricevuta di presentazione della domanda, o della domanda di rinnovo, del permesso di soggiorno.
Gli infermieri stranieri non comunitari che hanno conseguito il titolo abilitante all’estero, entro 40 giorni dalla presentazione della domanda, sono convocati a sostenere le prove per l’accertamento della conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta, e delle norme che regolano l’esercizio professionale in Italia. La convocazione viene inoltrata almeno 15 giorni prima della data delle prove e il materiale utile per prepararsi viene fornito già al momento della presentazione della domanda.
L’onere per le prove è a carico dell’interessato e ammonta a € 100 ed a seguito del versamento verrà rilasciata regolare ricevuta. Qualora il candidato non risulti idoneo, può chiedere di effettuare nuovamente l’esame, ma non oltre due volte nell’anno. Dell’esito negativo delle prove viene data comunicazione al ministero della Salute, alla Federazione Nazionale (FNOPI) e a tutti gli OPI d’Italia.
Gli infermieri stranieri cittadini dell’Unione Europea che hanno conseguito il titolo abilitante all’estero, entro 40 giorni dalla presentazione della domanda, sono convocati a sostenere le prove per l’accertamento della conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta. La convocazione viene inoltrata almeno 15 giorni prima della data delle prove. L’onere per le prove è a carico dell’interessato e ammonta a € 100 ed a seguito del versamento verrà rilasciata regolare ricevuta. Qualora il candidato non risulti idoneo, può chiedere di effettuare nuovamente l’esame. Dell’esito negativo viene data comunicazione al ministero della Salute, alla Federazione Nazionale (FNOPI) e a tutti gli OPI d’Italia. In considerazione della possibile inidoneità alle prove, gli infermieri cittadini stranieri, comunitari e non, che abbiano conseguito il titolo abilitante all’estero possono presentare le ricevute di versamento successivamente rispetto alla domanda di iscrizione e solo dopo il buon esito delle prove.
6.3. L’iscrizione all’albo
A seguito della domanda, accertata la sussistenza delle condizioni richieste, il Consiglio direttivo delibera l’iscrizione nell’albo o il rigetto, in ogni caso motivato, nel termine di tre mesi. Il rigetto della domanda per motivi di condotta non può essere pronunciato se non dopo aver sentito il richiedente nelle sue giustificazioni. Avverso la deliberazione di rigetto della domanda di iscrizione all’albo l’interessato può presentare ricorso alla commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, istituita presso il ministero della Salute. Decorso il termine di 90 giorni dalla data di presentazione della domanda senza che il Consiglio direttivo abbia deliberato, si può fare ricorso alla stessa commissione centrale ai fini dell’iscrizione.
Dal giorno successivo alla delibera di iscrizione, l’infermiere può chiedere allo sportello un certificato, che viene rilasciato a vista. In ogni caso, l’iscrizione all’albo può essere autocertificata, specificando la data e il numero di posizione. Entro 15 giorni la comunicazione riguardante l’iscrizione, o il rigetto della domanda, è trasmessa all’interessato, al Prefetto e al Procuratore della Repubblica.
6.4. Il trasferimento dell’iscrizione
È in facoltà dell’iscritto ad Albo provinciale chiedere il trasferimento dell’iscrizione all’Albo della provincia ove ha trasferito o intenda trasferire la propria residenza. Non è ammesso il trasferimento dell’iscrizione per l’infermiere che si trovi sottoposto a procedimento penale o a procedimento per l’applicazione di una misura di sicurezza o a procedimento disciplinare o che sia sospeso dall’esercizio della professione.
Per il trasferimento dell’iscrizione all’OPI di Chieti, bisogna presentare domanda in carta da bollo da € 16, utilizzando il fac-simile disponibile presso lo sportello, negli orari di apertura al pubblico, o che può essere scaricato dal sito web dell’Ordine. Alla domanda devono essere allegate due fotografie uguali formato tessera di cui una autenticata. L’autenticazione della fotografia può essere effettuata direttamente allo sportello mediante esibizione di un documento di riconoscimento valido. Inoltre occorre presentare copia della ricevuta di pagamento della tassa per l’anno in corso ed essere in regola per tutti gli anni precedenti, altrimenti l’Ordine di provenienza non concederà il nulla-osta al trasferimento.
Gli infermieri stranieri non comunitari devono allegare alla domanda anche la copia autenticata del permesso di soggiorno in corso di validità, oppure la copia autenticata del permesso di soggiorno scaduto e della ricevuta di presentazione della domanda di rinnovo.
Per il trasferimento dell’iscrizione ad altro Ordine, occorre chiedere nell’Ordine di destinazione la procedura adottata.
6.5. La cancellazione dall’albo.
L’infermiere che cessa ogni attività di natura infermieristica, prestata in qualsiasi forma (come dipendente, pubblico o privato, in regime libero professionale o come volontario) può presentare domanda di cancellazione dall’albo in carta da bollo da € 16, utilizzando il fac-simile disponibile presso lo sportello dell’Ordine, negli orari di apertura al pubblico, o che può essere scaricato dal sito web dell’Ordine.
Contestualmente alla presentazione della domanda di cancellazione occorre restituire la tessera di iscrizione all’albo. Oltre che a domanda, la cancellazione dall’Albo è deliberata dal Consiglio Direttivo, dopo aver sentito l’interessato, in caso di:
• perdita, per qualsiasi motivo, dei requisiti necessari per l’iscrizione, come la scadenza del permesso di soggiorno o la perdita del godimento dei diritti civili;
• trasferimento all’estero, entro un anno dall’accertato trasferimento;
• morosità nel pagamento dei contributi previsti.
Non si può procedere alla cancellazione quando sia in corso procedimento penale o disciplinare.
L’infermiere cancellato dall’albo è, a sua richiesta, reiscritto quando siano cessate le cause che hanno determinato la cancellazione. Per la reiscrizione sono applicabili le medesime disposizioni che regolano le iscrizioni.
7.    Lo sportello
7.1. Per il cittadino
L’Ordine promuove incontri con il cittadino per informazioni e per la consultazione dell’albo.
Tutti i cittadini possono rivolgersi all’Ordine per:
  1. la verifica dell’iscrizione all’albo;
  2. la consultazione dell’elenco degli iscritti che effettuano attività libero professionale;
  3. la consultazione dell’elenco degli studi associati e delle cooperative di assistenza infermieristica;
  4. l’informazione sulle competenze infermieristiche;
  5. la mediazione nel caso di controversie con un iscritto;
  6. la denuncia di comportamenti contrari alla deontologia professionale;
  7. l’informazione sulle sedi dei corsi di laurea e sulle modalità di iscrizione;
I servizi di cui ai punti A, B, C, G possono essere richiesti allo sportello, negli orari di apertura al pubblico; i servizi di cui ai punti D, E, F, devono essere forniti da esperti nelle problematiche specifiche, per appuntamento.
7.2. Per gli iscritti
L’attività degli uffici risulta essere in continuo aumento e deve far fronte a una richiesta di servizi sempre crescente. L’Ordine di Chieti conferma il buon livello qualitativo dei servizi di sportello, di consulenza e di gestione dell’albo che ne fanno un punto di riferimento importante.
Con l’intento di essere sempre più propositivi, ma soprattutto di reale ausilio al professionista e ai cittadini, intendiamo qui indicare alcuni strumenti ed informazioni all’iscritto, od al futuro professionista, al fine di poterlo orientare e facilitare nell’espletamento di alcune pratiche amministrative legali di cui l’Ordine offre servigio.
Modulistica disponibile (in fac-simile):
     richiesta di iscrizione per cittadino italiano;
     richiesta di iscrizione per cittadino straniero non comunitario in possesso di titolo conseguito in Italia;
     richiesta di iscrizione per cittadino straniero non comunitario in possesso di titolo conseguito in un paese terzo;
     richiesta di iscrizione per cittadino comunitario in possesso di titolo conseguito in un paese terzo;
     richiesta di iscrizione per cittadino straniero nell’Ue dall’1/1/2007 in possesso di titolo conseguito in un paese terzo;
     richiesta di trasferimento da altro Ordine provinciale per cittadini italiani e stranieri;
     richiesta di cancellazione dall’Ordine per cittadini italiani e stranieri. Modulistica reperibile presso lo sportello o scaricabile dal sito web dell’Ordine.
8.    La biblioteca
L’Ordine offre la possibilità, ai propri iscritti, di poter consultare la biblioteca disponibile fisicamente presso la sede e/o quella disponibile on-line attraverso il servizio erogato dall’OPI di Roma.
Tali riferimenti costituiscono un aspetto importante per gli studi infermieristici e sanitari in Italia, garantendo l’accesso a recente letteratura scientifica internazionale dedicata al nursing, quindi particolarmente ricca e completa è la collezione dei periodici cartacei, costituita oggi da circa 170 riviste di area infermieristica e sanitaria, ad integrazione del cartaceo si ricorda la disponibilità di circa 580 periodici digitali accessibili tramite Cinahl (Cumulative Index to Nursing and Allied Health Literature).
9.    La formazione
Uno degli obiettivi più importanti raggiunti dall’OPI di Chieti e dove sono state investite risorse è la formazione e l’aggiornamento professionale ECM, settore particolarmente impegnativo per via di una offerta sempre più ampia e capillare che l’attualità professionale richiede.
Oggi l’infermiere è un professionista che eroga prestazioni assistenziali con elevati standard di qualità e che è presente in ogni ambito del sistema sanitario, sia pubblico che privato, sia nelle strutture ospedaliere che sul territorio, in regime di dipendenza o in regime di libera professione.
Dal 1999 ad oggi il percorso formativo degli infermieri è diventato esclusivamente universitario e, in linea con la normativa europea, prevede oltre la Laurea Triennale in infermieristica, anche la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche, i Master di primo e secondo livello ed il Dottorato di Ricerca.
Nel corso della propria vita lavorativa, ogni professionista infermiere è tenuto ad assolvere alle regole vigenti in materia di educazione continuo in medicina “ECM”.
In questo contesto il bisogno di aggiornamento, tuttavia, non nasce solo da esigenze professionali indispensabili per garantire prestazioni al passo con i tempi.
Oggi più di ieri, infatti, entrano in gioco altri fattori che traggono origine dalle mutate condizioni socio-economiche e culturali della nostra società: la magistratura appare sempre più severa nei confronti della malpractice in sanità (anche se spesso solo presunta); il cittadino rivendica sempre più un ruolo attivo nella gestione della propria salute; è in rapido aumento il ricorso alla consultazione dei siti internet; sui media appaiono con sempre maggiore frequenza inchieste e discutibili graduatorie di merito sui servizi sanitari, basate su criteri discrezionali e non verificabili.
Per l’OPI di Chieti la formazione continua ECM erogata agli iscritti, pertanto, rappresenta un settore strategico di grande rilievo per non essere confinati ad un ruolo burocratico e notarile con l’obiettivo di garantire la qualità professionale degli operatori e con essa il miglioramento dell’assistenza ai cittadini.
La collaborazione con le associazioni professionali infermieristiche oltre che con altre istituzioni pubbliche permette di condividere molte iniziative, di organizzare e patrocinare eventi formativi in cui il coinvolgimento infermieristico è opportunamente valido e necessario.
Definita la fase sperimentale del progetto ECM ci siamo avviati all’istituzionalizzazione del programma che prevede per i prossimi trienni l’acquisizione di 150 crediti formativi ECM (50 ogni anno solare con un minimo di 25 ed un massimo di 75) per ogni Professionista Infermiere, Infermiere Pediatrico, esercitante la professione in Italia.
Il ruolo dell’OPI di Chieti vuole essere di primaria importanza nel garantire a tutti i professionisti iscritti una formazione ECM di qualità e che possa sollevare anche economicamente il singolo professionista, per questo proseguiremo la nostra attività come Provider ECM presso il Ministero della Salute.
10.   Gestione reclami
Per ogni reclamo che dovesse rendersi necessario da segnalare, si può far riferimento alla compilazione del modello “Modulo Segnalazioni cod. MSG” disponibile presso lo sportello della segreteria dell’Ordine. Presto sarà disponibile un form elettronico direttamente sul sito del collegio.
Il Modulo compilato in tutte le sue parti e firmato va consegnato alla segreteria. Il Modulo viene preso in carico dal Responsabile Qualità dell’Ordine, che ne accerta la chiarezza, la completezza ed eventualmente contatta il segnalatore per una acquisizione più completa delle informazioni.
Il Presidente dell’Ordine acquisisce la segnalazione e si attiva ai fini della sua risoluzione, eventualmente convocando il segnalatore (se necessario) e comunque contattandolo direttamente.
Il tempo di risposta al reclamo è pari a 7 gg (con tale tempo si intende la presa in carico del reclamo e non la sua risoluzione). Per la risoluzione effettiva del reclamo il tempo definito è ad oggi pari a 30 gg.
11.   Fattori di qualità
Nella pagina successiva vengono riportati i valori prestazionali attuali in riferimento ad alcuni fattori di qualità misurati ai fini della soddisfazione degli utenti.
Fattore di qualità
Indicatore
Periodicità di misurazione
Valore al 4/9/2020
Trasparenza operativa
Valore quota di iscrizione annuale
Annuale
€ 80
Tempo di disponibilità dei verbali del Consiglio Direttivo
Annuale
35 gg
Tempo di disponibilità dei verbali di Assemblea
Annuale
5 gg
% di iscritti raggiunti dalle News
Annuale
100%
% di iscritti raggiunti da rilevamento fabbisogno formativo
Annuale
100%
Tempo di risposta al reclamo
Annuale
7 gg
Tempo di risoluzione del reclamo
Annuale
30 gg
Tempestività   di servizio
Tempo di rilascio certificato di iscrizione
Annuale
5 gg
Tempo di rilascio comunicazioni relative a iscrizioni, cancellazioni e trasferimenti
Annuale
2 gg
Tempo di invio fascicoli personali per trasferimento
Annuale
2 gg
Tempo   di rilascio attestato di formazione
Annuale
15 gg
Tempo di emissione comunicazioni relative a eventi formativi
Annuale
Min. 30 gg prima
Assistenza agli iscritti
Disponibilità a incontri con il Presidente
Annuale
10 ore a settimana
Ore di apertura sportello di segreteria
Annuale
15 ore a settimana
12.   Prevenzione della corruzione e tutela della trasparenza
L’OPI di Chieti ha adottato, ai sensi della Legge 6 Novembre 2012, n. 190, “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione” un Piano Triennale per la prevenzione della corruzione e per la tutela della trasparenza amministrativa (2019-2021). Tale ordinamento contempla un regolamento per l’accesso agli atti sulla trasparenza amministrativa ed uno relativo all’Accesso Civico, disponibili sul sito web. A tal fine sul portale web dell’OPI è disponibile anche la modulistica di riferimento da compilare a cura degli aventi diritto.
13.   La politica per la privacy
La presente politica per la protezione dei dati è redatta in ottemperanza all’art. 24, comma 2, del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR) che disciplina gli aspetti relativi alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione degli stessi.
L’OPI Chieti tiene conto del contesto di riferimento per le proprie attività e delle necessarie finalità di trattamento di dati personali ottenuti da interessati che vengono considerati stakeholder a pieno titolo dell’organizzazione. A tal proposito l’Ordine intende instaurare progressivamente nel tempo un efficace ed efficiente “sistema privacy” per la protezione dei dati personali.
Tutto l’approccio rivolto al sistema di protezione dei dati personali è improntato fortemente al principio di responsabilizzazione che il Titolare assume per connotare in maniera univoca e decisa l’autovalutazione delle proprie capacità di garantire conformità, liceità, coerenza e adeguatezza del sistema.
In particolare l’OPI Chieti cura in modo attento, multidisciplinare e continuativo i seguenti aspetti:
  1. la corretta identificazione degli      interessati proprietari dei dati personali che gestisce
  2. l’esattezza dei dati personali di      cui viene in possesso
  3. la liceità dei trattamenti che      esegue su tali dati al fine di garantire tutti i principi sanciti dal GDPR      e tutti i diritti e le libertà degli interessati stessi
  4. l’identificazione, la valutazione      e la gestione di tutti i rischi connessi con i diversi trattamenti      eseguiti, con eventuale esecuzione di valutazioni di impatto (DPIA)      secondo i termini stabiliti dal Regolamento e dalle linee guida del      Garante disponibili
  5. l’adozione di misure tecniche e      organizzative adeguate (processi, strumenti e controlli idonei) per      garantire, ed essere in grado di dimostrare, che ogni trattamento è      effettuato conformemente al Regolamento
  6. il riesame e l’aggiornamento di      dette misure
  7. l’adozione di criteri e metodi di      “privacy by design” e “privacy by default” per la piena conformità ai      dettami del Regolamento
  8. l’identificazione delle      responsabilità e autorità richieste per la gestione del sistema di      protezione dei dati personali, con le nomine pertinenti di Data Protection      Officer, Responsabili del trattamento esterni, Incaricati al trattamento      (o persone autorizzate al trattamento) e, se necessario, Amministratori di      Sistema
  9. la formulazione di politiche e      procedure dedicate per la sicurezza dei trattamenti
  10. la sensibilizzazione e la formazione      del personale e dei fornitori (quando opportuno) per il sostegno delle      attività di prevenzione e gestione nel sistema privacy
  11. adeguati flussi informativi da e      verso le strutture di controllo e operative per la gestione dei processi      di protezione dei dati
  12. la tracciabilità e la      documentazione piena e coerente di tutte le operazioni condotte sui dati,      nel pieno rispetto dei requisiti regolamentari e delle esigenze degli      stakeholder
  13. la trasparenza dei trattamenti      mediante definizione completa delle informative pertinenti per gli      interessati e, laddove previsto, della raccolta esplicita dei relativi      consensi
  14. la gestione conforme ed efficace      di tutte le eventuali violazioni (data breach) che possono essersi      verificate nell’ambito del sistema privacy istituito
L’OPI Chieti crede fermamente che i suddetti principi guida costituiscano l’essenza di una gestione accurata e consapevole della protezione dei dati personali e considera tutto ciò come un fattore imprescindibile non soltanto per assicurare il rispetto dei requisiti cogenti e regolamentati ma anche per favorire una misura di competitività che fa della protezione dei dati personali una linea strategica di sviluppo del business e crea i presupposti fondamentali per ottenere la fiducia degli stakeholder.
L’Ordine mette a disposizione le informative di riferimento per tutte le categorie degli interessati al fine di portare a conoscenza anche dei diritti da poter esercitare.
Per qualsiasi richiesta o chiarimento in merito, si può far riferimento alla seguente mail: dpo@opichieti.it oppure scrivere alla PEC dell’Ordine chieti@cert.ordine-opi.it

Costi contabilizzati

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Costi contabilizzati”.
 
Riferimenti normativi:

Tempi medi di erogazione dei servizi

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Tempi medi di erogazione dei servizi”.
Riferimenti normativi:

Pagamenti dell’amministrazione

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Indicatore di tempestività dei pagamenti

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Indicatore di tempestività dei pagamenti”.
Riferimenti normativi:

IBAN e pagamenti informatici

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “IBAN e pagamenti informatici”.
 
Riferimenti normativi:
IBAN

Pianificazione e governo del territorio

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Pianificazione e governo del territorio”.
Riferimenti normativi:
Sezione non applicabile all’Ente.

Informazioni ambientali

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Informazioni ambientali”.
Riferimenti normativi:
Sezione non applicabile all’Ente.

Interventi straordinari e di emergenza

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Interventi straordinari e di emergenza”.
Riferimenti normativi:
Non sono stati adottati interventi straordinari e di emergenza.

Altri contenuti

Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013 e successive integrazioni/modificazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a:

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza (PTPCT)

Data ultima modifica: 02.07.2021
PTPCT 2021-2023
PTPCT 2020-2022
PTPCT 2019-2021
PTPCT 2018-2020

Accesso civico

Data ultima modifica: 02.07.2021
Come da indicazioni del Decreto Legislativo 33/2013, e successive modificazioni/integrazioni, in questa sezione sono disponibili le informazione relative a “Accesso civico”.
Riferimenti normativi:

Dati Ulteriori

Data ultima modifica: 17.07.2023
All’interno di questa sezione si trovano tutti quei dati, informazioni e documenti ulteriori non soggetti ad obbligo di pubblicazione e/o non riconducibili a nessuna delle sottosezioni previste dall’Allegato al d.lgs. n. 33/2013.
Tali dati possono essere incrementati, modificati e/ o integrati nel corso del triennio

Ordine delle Professioni Infermieristiche di Chieti
Via D.Spezioli, 16
66100 Chieti (CH)

Telefono: +39 0871 401206
Fax: +39 0871 404070
E-mail: info@opichieti.it
PEC: chieti@cert.ordine-opi.it
P.IVA: 02056680693

ENPAP Previdenza Infermieristica

ENPAPI Previdenza infermieristica